Archivio categoria: Terza pagina

[Post del Primo Maggio] Il potere e i giovani

di

Ieri ne parlavo con un’amica, altrove. Parlavo dei “nativi digitali” e più in generale della generazione a cui appartengono. E parlandone, in quell’oscillazione tra ottimismo e pessimismo tipica di chi osserva situazioni in… Continua a leggere

GRAND BUDAPEST HOTEL

di

Quello che pensai gia’ guardando I Tenenbaum, e cioè che il cinema di Wes Anderson è davvero difficile da spiegare a parole, è ancora più vero per la sua ultima opera, Grand Budapest… Continua a leggere

Decades #1 – The Sixties

di

Non amo troppo guardare al passato, o perlomeno solo a quello, parlando o scrivendo o semplicemente ascoltando musica. Sono più portato a guardare con un occhio il gatto e con l’altro il pesce,… Continua a leggere

Le donne vanno temute – 3 (Ishtar e Gilgamesh)

di

Ishtar è bella. Non solo bella. Lei è la dea dell’amore fisico, è bella ed è una di quelle che se passano per strada ti si svita il collo. Una via di mezzo… Continua a leggere

Libri e mensole – presbitismo storico

di

Che sia morto, per me è una tragedia. Per motivi vari, esistenziali, personali, sentimentali. Lui è lo scrittore. Quando sull’altro mio blog ho iniziato a scrivere i pezzi disordinati di una storia surreale,… Continua a leggere

prima del diluvio

di

Attorno al 5.600 a.c.,  lo scioglimento dei ghiacci dell’ultima glaciazione che interessò la terra provocò enormi cambiamenti nei livelli delle acque del Mediterraneo, fino a che queste strariparono oltre il Bosforo riversandosi nel… Continua a leggere

“Quando c’era Berlinguer” – non una recensione

di

O, come dice il discutibile ammennicolidipensiero, “trent’anni di solitudine“ -Ripubblico questa “non una recensione” già pubblicata sul mio blog in occasione della prima visione del film/documentario “Quando c’era Berlinguer“, a beneficio dei lettori… Continua a leggere

RWANDA, VENT’ANNI DOPO – HOTEL RWANDA: STORIA DI UN MASSACRO IGNORATO

di

Hotel Rwanda è un film che, nonostante tratti un tema come quello del genocidio del 1994, in cui quasi un milione di appartenenti all’etnia tutsi persero la vita, massacrati a colpi di machete… Continua a leggere

##lungomuroproject

di

    http://www.gianlucamaroli.it/lungomuro/ “A Ostia il mare c’e’ ma non c’e’. E’ tipo un dogma, tu ci devi credere fermamente che e’ dietro quel muro, anche se non lo vedi. Le cartoline sono… Continua a leggere

PAURA – MONSIEUR VERDOUX – BERSAGLI DI PETER BOGDANOVICH: LA PAURA DI UNA VITA SENZA VIE DI FUGA

di

Il film d’esordio di Peter Bogdanovich (e, a tutt’oggi, la sua opera migliore) è un film che può essere affrontato da diversi punti di vista: lo si può considerare la celebrazione di un’epoca… Continua a leggere

Say it loud and sing it proud

di

Non so come faccia la gente a reggere Fiorello. La sua presenza mattutina a RadioDue mi indispone parecchio, ho deciso che non pagherò il canone RAI finché non mi levano di mezzo questo… Continua a leggere

la collina del disonore

di

E venne l’anno in cui uscì La collina.

Stabilimenti balneari: “Li incontri all’alba, sul lungomare, li rivedi a mezzogiorno e ti fanno stracacare.” (semi cit.)

di

  “[…] All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità: si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e… Continua a leggere

KISS!

di

Le donne vanno ascoltate – 2 (Artemisia)

di

Prima della battaglia, il re di Persia, Serse, riunisce i suoi consiglieri. Tutti maschi tranne uno, Artemisia, regina di Caria e satrapo dell’Impero. Serse, che è stupido, vuole affrontare i Greci per mare.… Continua a leggere

Vivere la solitudine – La migliore offerta

di

Se c’è una cosa davvero difficile, è spiegare, a chi non l’ha mai vissuta,  che cos’è la solitudine. Si faccia attenzione: quando parlo di vivere la solitudine, non intendo essere soli. Soli  infatti,… Continua a leggere

Le donne guariscono ogni cosa – 1 (Penelope)

di

Non taggo “femminismo”. Perché c’è tutto un calendario, per i post col tag “femminismo”. I miei colleghi sono gente seria. Quindi non taggo “femminismo”. Volevo solo dire che se voi credete che l’Odissea,… Continua a leggere

Aeroporto: Partenze. Il “Sabato del villaggio”… del viaggiatore.

di

Milano. Se sfila. Ovunque.

di

Horror Vacui

di

Scrivere di Sanremo è pop. Ignorare Sanremo è snob. Scrivere male di Sanremo è da stronzi. Scriverne bene è da paraculi. Ci sono episodi sanremesi che non vanno dimenticati. Alcuni celeberrimi, altri più… Continua a leggere

E ti ripiglio, ti ripiglio!!!

di