Archivio categoria: Attualità

transizioni difficili

di

avviso ai lettori: il post è lungo e io non ho voglia di spezzarlo. prendete fiato: potete sicuramente arrivare in fondo. vi sfido. Post per il 25 Aprile (sempre!). Nei commenti ad un… Continua a leggere

passato l’Uragano

di

La cosa che più mi fa pensare, mentre mi appresto a scrivere questo post, è quanto banali e volatili siano la memoria ed il pianto collettivi. Già lo sapevamo. Ma sfogliando i giornali… Continua a leggere

Ruanda, vent’anni dopo – non è finita

di

Il tempo passa, il Ruanda resta. Il ventennale esatto dall’inizio del genocidio è passato e sui giornali non si trovano più reportages e commemorazioni, non dietrologie e nuove indagini, non analisi economiche e… Continua a leggere

[Post Delirante] Di Maestri, Rivoluzioni e Pioggia

di

(post svogliato, delirante e malfatto, senza tre quarti dei link che servirebbero, ma anche sticazzi, capitemi, è Pasqua e sto traducendo un libro di economia) Non può piovere per sempre. Lo dicono un… Continua a leggere

Obiezione, vostro disonore

di

Mi chiamo Ingenuo Valerio G. Ingenuo, sì. Perché volevano che fossi ingenuo, forse addirittura avrebbero preferito stupido. È che a qualcuno doveva pur capitare di avere qualche problema: me o la mamma, la… Continua a leggere

La pubblicità è l’anima.

di

Sono giorni, per la verità settimane, che mi soffermo a pensare a uno spot, quello dell’Enel, che viene mandato in onda frequentissimamente dall’inizio del 2014. A parte l’ormai nota mia passione per la… Continua a leggere

insignificanti, innocue, sbadataggini

di

Ruanda, vent’anni dopo – spezzoni

di

In questa settimana abbiamo cercato di dare un pò il senso di quel che accadde in Ruanda fra l’aprile ed il giugno 1994. Più che il “senso”, la storia, per coloro che non… Continua a leggere

RWANDA, VENT’ANNI DOPO – HOTEL RWANDA: STORIA DI UN MASSACRO IGNORATO

di

Hotel Rwanda è un film che, nonostante tratti un tema come quello del genocidio del 1994, in cui quasi un milione di appartenenti all’etnia tutsi persero la vita, massacrati a colpi di machete… Continua a leggere

Ruanda, vent’anni dopo

di

Anche a distanza di vent’anni non è facile parlare di cosa è accaduto in Ruanda durante quei cento giorni fra aprile e giugno 1994. Non è facile perché è terribile. Non è facile… Continua a leggere

Rwanda, vent’anni dopo – anteprima

di

Volevo scrivere un post sul ventennale dall’inizio del genocidio ruandese. Impegni di lavoro mi hanno, purtroppo, trattenuto dal farlo e mi rammarico molto. Mi dispiace assai, perché di Ruanda sarebbe importante parlare ancora:… Continua a leggere

Ebola, perché bisogna parlarne

di

Due anni fa, quando ero in Africa (in Tanzania, per la precisione), vi fu un’epidemia di ebola relativamente piccola nella confinante Uganda. “Relativamente piccola”…. come dire…. Ancora aldilà del confine e sufficientemente distante… Continua a leggere

La maestra e i liceali (lezioni di non-giornalismo)

di

Detta così, dal titolo, sembra la riedizione di quei vecchi filmini soft-porno che circolavano in Italia qualche decennio fa. E un pò è così…. Solo che è così nella realtà, con tutte le… Continua a leggere

la festa del papà (a.k.a.: la gggente è stupida)

di

Premessa: non so esattamente come scrivere questo post, e vi prego di perdonarmi eventuali oscillazioni di stile. Anche perché, indirettamente, mi è stato chiesto di non scriverlo. Lo faccio comunque, perché son convinto… Continua a leggere

di vaccini, autismo ed altri buchi

di

I vaccini provocano l’autismo. Ma anche no. Forse. Insomma, boh. L’antefatto, ancora fresco di stampa nelle rotative: la procura di Trani ha aperto un’indagine sui possibili effetti del vaccino trivalente contro morbillo, parotite… Continua a leggere

Femminismo – redpoz ter: questioni ancora insolute

di

Il tema è ormai passato, ma mi riservo un’ultima battuta per sottoporvi un paio di questioni rimaste ancora insolute. Più come occasioni di riflessione che come risposte, a dire il vero. I temi… Continua a leggere

vent’anni dopo, al punto di partenza

di

«Ciao ma’» «Ciao, Ilaria. Come stai?» «Bene. Ti ho chiamato perché sono in partenza.» «Di nuovo? Dove vai, questa volta?» «Mogadiscio»

“The Gatekeepers”, non una recensione

di

Nel desolante panorama televisivo italiano, LaEffe è senza dubbio un’acquisizione di tutto rispetto. Ad occhio (e non solo perché molti programmi sono comuni), potrebbe divenire la versione italiana di ARTE. C’è solo da… Continua a leggere

la prima guerra del viagra (e altre guerre da ricchi)

di

La prima guerra del Viagra è quella che, da meno di un anno a questa parte, si combatte nelle farmacie

Tutti pensano alle cose vere, noi a tenere alte le bandiere

di

E quindi mi sveglio e siete tutti galvanizzati per la grande bellezza da Oscar dopo 15 anni. E di Di Caprio vi siete dimenticati perché il nonno italiano è morto? Stamattina Roma è… Continua a leggere

io sono di sinistra – ovvero: la lucidità de “il male”

di

Chi si ricorda di quando Ugo Tognazzi fu per un giorno il capo delle Brigate Rosse?