mille parole, mille altre ancora

Prima vennero i Baby Boomers, poi la generazione X. Xers, direbbero oltreoceano, sono i quarantenni o poco più di di oggi: quelli noti come i figli dei primi divorzi, quelli con il più basso tasso di partecipazione al voto rispetto a qualsiasi precedente generazione, quelli che il Newsweek definì come la generazione che ha spento l’interesse per le questioni sociali.
Dopo, la generazione Y. Quella dei figli dei Baby Boomers, quelli che sono nati con le nuove tecnologie digitali, quelli che hanno già visto tutto e sono esposti a tutto fin dalla prima infanzia, quelli abituati a pensare e vivere nell’idea di flessibilità. Non è l’unica, per la verità, di generazione Y: l’altra nota a chi frequenta la rete (o legge Internazionale…) è quella del blog di Yoani Sanchez dedicato a chi, come lei, è nato a Cuba negli anni settanta-ottanta, porta il segno di un nome che inizia o contiene una “Y”, una storia di scuole di periferia, le immagini di cartoni animati russi, di emigrazione illegale e un profondo senso di frustrazione.
Ora siamo alla lettera Z: bambini di meno di dieci anni, un futuro da capire ed un corollario di tecnologia ancora superiore a quello della precedente generazione. Forse meno certezze, forse meno dubbi.

Non so cosa potrà venire dopo la lettera Z, non so se esistano studi accurati in merito, ma alcune (molte) relazioni quotidiane mi stanno facendo percepire un sensazione forte, fortissima: che almeno le ultime due generazioni, e la prossima che verrà, saranno accomunate da un linguaggio sempre più limitato, sempre meno vario, sempre meno elegante; un linguaggio da cui scompariranno le parole semanticousbergo, apotropaico, giusto per elencarne tre a caso che mi passano per la mente in questo momento.
Generazione 1k-w, “1,000 words“, per dirla all’anglosassone, quante ne basteranno per l’essenzialità della quotidianità: mangiare, bere, uomo, donna, lavoro lasciamo perdere che tanto non ci sarà, dire, fare, baciare, tablet, testamento.

Screen shot 2013-11-29 at 13.19.18