Spesso penso

Spesso penso a questi anni come a un gioco delle sedie con più sedie che bambini. Ci sediamo tutti e poi facciamo un bell’applauso. Quelli in piedi, in fondo, stanno in altri continenti.

(un bel live di una canzone stupenda che fino a poco fa non conoscevo neppure)